[Film soup] Sale, limone, acqua calda.

Verso fine luglio, ho immerso uno Scotch Color 100 (scaduto nel 1994) in sale, limone, acqua calda per circa 12 ore. Dopodiché ho cercato di pulirlo alla meglio con acqua corrente in bagno, dopo averlo srotolato tutto, rigorosamente al buio; allo stesso modo ho cercato di asciugarlo. Dopo circa un mese e mezzo dimenticato sul davanzale, le condizioni in cui versava il caricatore erano a dir poco pietose (vi avevo postato le foto in questo post) molto probabilmente a causa del sale che aveva bloccato il meccanismo di riavvolgimento, così ho deciso di cambiarlo con uno nuovo, in attesa di poter utilizzare la pellicola; ecco ciò che ho ottenuto:

Film soup - Canon Eos 550d - Mafalda de Simone

Come vedete, la pellicola è tendente al viola. Quando sono andata a caricarla nella Praktica LTL, mi sono accorta che aveva anche degli aloni sulla superficie:

Film soup - Praktica LTL - Canon Eos 550d - Mafalda de Simone

Ho deciso di utilizzare questa la pellicola per fare dei ritratti alle mie amiche, un po’ ispirata anche da questa foto di Tamara Lichtenstein. Vi posto immediatamente le foto senza perderci in chiacchiere:

Scotch Color 100 expired, Praktica LTL - Cyberscanner Vision Compact - Mafalda de Simone - Film soup

Scotch Color 100 expired, Praktica LTL - Cyberscanner Vision Compact - Mafalda de Simone - Film soup

PICT0208-horz

Scotch Color 100 expired, Praktica LTL - Cyberscanner Vision Compact - Mafalda de Simone - Film soup

Scotch Color 100 expired, Praktica LTL - Cyberscanner Vision Compact - Mafalda de Simone - Film soup

Scotch Color 100 expired, Praktica LTL - Cyberscanner Vision Compact - Mafalda de Simone - Film soup

Scotch Color 100 expired, Praktica LTL - Cyberscanner Vision Compact - Mafalda de Simone - Film soup - Lido Azzurro, Torre Annunziata

Scotch Color 100 expired, Praktica LTL - Cyberscanner Vision Compact - Mafalda de Simone - Film soup

Avevo scelto lo Scotch Color 100 perché mi ha da subito catturata per i toni molti contrastati, quindi ho pensato fosse il più adatto per questo esperimento. La pellicola, però, ha perso parecchio contrasto (io ne ho aggiunto giusto un po’ in postproduzione, siccome durante la scansione se ne perde sempre) ed ha assunto i colori tipici di un Kodak Colorplus.
L’effetto del miscuglio sale, limone e acqua calda, invece, è abbastanza simile ad un Revolog, ovviamente con caratteristiche diverse su ciascun fotogramma: aloni blu, blu/verdi e gialli intensi, con contorno di puntini neri (molto probabilmente dovuto al sale che non si è sciolto abbastanza) e gialli.
Non avevo idea che scegliere sale e limone insieme potesse darmi un effetto così forte, anzi, la mia paura era quella che non avrei ricavato nulla da questo esperimento. La lomografia ti dà sempre modo di sperimentare cose nuove!
La Lichtenstein è stata comunque di grande ispirazione! :D

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


quattro + = 10

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>